Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

«Le micro web tv sono una testimonianza importante. E occorrono regole semplici per non ostacolare la cultura digitale del nostro Paese». Parola di Stefano Pileri, Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici.

1
Le parole rivolte dal Presidente di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Stefano Pileri alle micro web tv sono molto interessanti. Tornano a puntare i riflettori sul ruolo di sentinelle digitali iperlocali dei canali e al contempo impongono una riflessione sulla necessità di uno sviluppo tecnologico per il nostro Paese. Ecco la lettera rivolta alle micro web tv in meeting a Terni.

«La diffusione delle tecnologie e dei servizi digitali del nostro Paese, come noto, è ancora indietro rispetto alla realtà europea ed il prossimo 17 Giugno presenteremo a Roma il nostro Rapporto “e-Content 2010” dal quale è possibile ricavare l’andatura del mercato di riferimento e le profonde trasformazioni che lo stanno interessando per quanto riguarda gli attori, le tecnologie, i modelli di business. Al centro di questa trasformazione vi è sicuramente Internet e tutto ciò che ruota intorno alla Rete: l’informazione, la comunicazione e l’entertainment assumono forme e caratteristiche nuove che migliorano l’interattività e la partecipazione coinvolgendo gli individui in nuove modalità relazionali, anche “in movimento”.
Gli sviluppi e le opportunità sono ancora molteplici e l’arrivo di una nuova tecnologia come l’iPad ne è l’esempio. Anche le Micro Web Tv sono una testimonianza importante dell’evoluzione in atto e costituiscono una “innovazione tecnologica” con una forte connotazione territoriale e di social network. Ma per poter cogliere i benefici che possono derivare dalla nuove tecnologie e per sfruttare tutte le opportunità connesse, sarà necessario diffondere la cultura digitale nel nostro Paese anche attraverso la definizione di nuove regole semplici e capaci di non ostacolarne lo sviluppo. Rinnovo pertanto i miei più sentiti auguri a tutti voi auspicando per il “micro settore” un “macro successo”».
Stefano Pileri